La scienza dei maghi
Leggi un estratto
Giuseppe Montaldo11-05-2021
Tempo di lettura: 2 minuti
Per diminuire la sofferenza del dolore, dobbiamo fare una distinzione cruciale tra il dolore del dolore e il dolore che creiamo dai nostri pensieri sul dolore. La paura, la rabbia, il senso di colpa, la solitudine e l’impotenza sono tutte risposte mentali ed emotive che possono intensificare il dolore

(Howard Cutler)

Leggi un estratto

L’alba di un nuovo mondo è adesso. Nella nostra voglia di ricominciare.

Il sole sta sorgendo per illuminare una nuova umanità. Che inizia la sua seconda vita con un rinnovato principio.

È un nuovo e affascinante viaggio che, tuttavia, inizia dove ci aveva lasciato il matto che ora assume una nuova veste, nel suo infinito percorso di vita, di morte e di rinascita.

La sua nuova veste è la prima lama dei tarocchi e cioè il Mago.

Rappresenta la prima tappa del viaggio iniziatico che tutti percorriamo per compiere il Destino dei Destini.

Ritornare all’origine.

Il Mago è appena nato e ha difficoltà a entrare e a vivere nel mondo materiale. Ha una grande paura di vivere.

È come un bimbo appena nato ed è arrabbiato con la mamma perché l’ha fatto nascere. Perché lui nel grembo materno ci stava bene mentre ora, nella vita, deve imparare a ‘vivere’ e questo gli fa paura. Per questo gli è difficile agire in un ambiente che ‘sente’ ostile’.

Il Mago trova nella natura tutto ciò che gli occorre. Ha tutti i potenziali per esprimere il meglio di se stesso ma non li sa ancora riconoscere e mettere in pratica, per cui li ‘sublima’ con l’inganno rimanendo sempre ai margini dell’azione facendo credere però di essere sempre all’altezza della situazione.

La conseguenza è che, la maggior parte delle volte, non esprime ciò che è ma ciò che gli altri vogliono da lui tradendo se stesso e le persone che in lui avevano riposto la loro fiducia.

In questo modo lui mistifica anche la magia, rendendola sterile.

Ma che cos’è la magia? È qualcosa di reale, tangibile, praticabile, un vero e proprio potere o è solo una parola vuota, astratta, che non ha nessun riscontro nella realtà?

Eppure i maghi sono sempre esistiti. E qualche secolo fa scienza e magia erano due facce della stessa medaglia. Isaac Newton, uno dei più grandi scienziati che siano mai esistiti, è stato definito l’ultimo dei maghi.

Nonostante ciò la parola mago è usata in modo improprio se non abusata.

Ricordate quando ne ‘I viaggi del Matto’ Martina incontra Carlo che in pochi minuti fa ripartire la sua macchina che era rimasta in panne? “Mah! Lei è un mago”, disse Martina.

Da questo semplice episodio capiamo qual è il significato che noi tutti diamo alla parola Mago.

Molto banalmente, per tutti noi un mago è quella persona che fa cose che a noi appaiono non solo impossibili ma al di fuori di ogni logica di questo mondo.

Un Mago quindi è, in qualche modo, un essere soprannaturale.

Pensate se questa persona potesse spostare con la forza del pensiero un oggetto da un posto all’altro. Sarebbe un Mago per voi? Penso proprio di sì.

Questa definizione è frutto solo dell’ignoranza. In realtà un Mago è colui che sa utilizzare le forze della natura. È evidente che, a chi non sa come agiscono queste forze, certe manifestazioni sembrino vera magia. Salvo quelle che la scienza ha già scoperto e divulgato.

Per cui tutto ciò che vediamo, che per noi non è scientifico, diventa magia.

Probabilmente la scienza è ancora molto limitata, data la quantità di cose che non riesce a spiegarsi.

Magiche sono certe guarigioni perché non rientrano negli usuali schemi e credenze. I medici che non sanno spiegarsele le definiscono ‘remissioni spontanee’. Purtroppo questo è ciò che è stato loro insegnato. Quindi, in un semplice rapporto di causa ed effetto, affermano: “Se una malattia è maligna non può guarire!”.

Un bel sillogismo! Non c’è che dire.

Allo stesso tempo questa remissione spontanea, in realtà è un fenomeno naturale derivante dalle capacità di guarigione del nostro sistema Corpo-Mente-Spirito.

Anche se la scienza non indaga oltre la materia, questo non significa che le forze dello Spirito non agiscano nel mondo materiale.


Le librerie



(Potete trovare i libri online o presso la vostra libreria di fiducia)



Le librerie possono ordinare i libri nel circuito Youcanprint