È pericolosa l Anateoresi?

L'Anateoresi è una terapia sicura

  • 20-01-2018
  • Joaquin Grau

Assolutamente no. 

     La terapeutica anateoretica non utilizza farmaci e nemmeno induce a un’ipnosi profonda. 

     Tutto si riduce a un dialogo con vivenciaciones che, pur riproducendo emozionalmente i mali perinatali e quelli che si susseguirono fino ai sette-dodici anni, non per questo riproduce la stessa sofferenza né le stesse alterazioni fisiologiche che all'epoca avevano provocato quei mali. 

     Un paziente con profonda catarsi anateoretica – grida e calci – continua a mantenere in perfetto equilibrio le sue costanti fisiologiche. Insisto: mai, assolutamente mai, la terapia anateoretica ha provocato danni. 

     E non l’ha fatto perché non lo può fare. Perché l’anateoresi è una terapeutica che si basa sulla comunicazione, sulla più armoniosa delle dialettiche. E neppure può inculcare al paziente idee che non gli appartengano, perché, a parte il fatto di essere una terapia priva di dogmi, per giunta il dialogo che il paziente instaura è con se stesso. 

    Nulla impone nulla a nessuno. Anzi, Anateoresi è liberazione. 

     È gratificazioni continue, gratificazioni che di solito arrivano alla massima espansione di coscienza: ciò che si chiama estasi, e una volta si credeva che fosse prerogativa di pochi, di coloro che Dio premiava per la loro santa vita di privazioni.
     L’Anateoresi, come ogni pratica umana, anche la più elevata e benintenzionata, ha un solo nemico – o pericolo –: l’anateorologo stesso. Perché in anateoresi, come nella pratica di qualunque altra medicina, anche la più innocua, il problema è sempre il terapeuta.       Evidentemente, uno scriteriato agirà sempre da scriteriato, che si occupi di viti o di anateoresi. 

     È inevitabile. 

    Il mio consiglio, quindi, è che chi decide di sottoporsi a terapia anateoretica si informi prima sulla qualità professionale dell’anateorologo cui vuole rivolgersi.
    Tuttavia, neanche il peggior anateorologo può provocare autentici danni a un paziente. Quel che può succedere è che non risolva una malattia che un altro anateorologo avrebbe potuto risolvere.

Le Chiavi della Malattia
Trattato teorico-pratico di anateoresi
€ 30,00

Dopo oltre trentanni di ricerca, con risultati terapeutici che in molti casi vanno oltre il credibile, l`autore espone, per la prima volta in tutte le sue sfumature, una terapia che spiega e fa ordine in una certa confusione che regna ai giorni nostri sugli stati regressivi, comprese le cosiddette vite precedenti. 

Questo libro è un trattato scientifico della terapia che si pratica già in due continenti e si va sempre più diffondendo. Nelle sue pagine, l`autore raccoglie anche decine di interessanti sedute anateoretiche di persone sia sane che ammalate, in cui anche il lettore si vedrà più o meno rappresentato. 

Joaquín Grau espone, infatti, le autentiche esperienze - gioie e sofferenze - che ogni embrione e feto sperimenta, come pure quel "morire alla vita" che è la nascita, insieme alle particolarità della nostra percezione durante l`infanzia. Il lettore, insomma, si rende soprattutto conto che le ragioni della malattia e del disagio hanno spesso radici profonde e forse insospettate; ma anche che è possibile guarirne con una rivisitazione degli stadi prenatali e infantili: questo libro, infatti, è un nuovo modello della topografia della coscienza; e forse è l`apporto più rivoluzionario nell'attuale ricerca di un nuovo modo d`intendere la medicina.  

Conferenze



GIUSEPPE MONTALDO

è ricercatore,
scrittore,
naturopata e ingegnere.
Si occupa principalmente di guarigione emotiva e spirituale.

Gli strumenti di cui si avvale sono:

Vive a Cagliari


Gli ultimi articoli





Iscrizione al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post assieme agli inviti agli eventi.


Social




Cookies policy

Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti. Per ulteriori informazioni sui cookie, consultare l'informativa sulla privacy e la cookie policy. Se non si accetta l'utilizzo, non verrà tenuta traccia del comportamento durante la visita, ma verrà utilizzato un unico cookie nel browser per ricordare che si è scelto di non registrare informazioni sulla navigazione.

© Copyright 2018 Giuseppe Montaldo. Tutti i diritti riservati - All rights reserved.

I contenuti del sito sono di libero utilizzo a condizione che venga citata la fonte

Privacy policy

Cookies policy