James Frazer


Iscrizione al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post assieme agli inviti agli eventi.


Social



Cookies policy

Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti. Per ulteriori informazioni sui cookie, consultare l'informativa sulla privacy e la cookie policy. Se non si accetta l'utilizzo, non verrà tenuta traccia del comportamento durante la visita, ma verrà utilizzato un unico cookie nel browser per ricordare che si è scelto di non registrare informazioni sulla navigazione.

  James Frazer

James Frazer

  • 25-10-2018
  • Giuseppe Montaldo

James George Frazer ha portato l'ultimo significativo contributo alla corrente antropologica britannica di fine Ottocento: egli esercitò grande influenza nel campo degli studi etnologici e storico religiosi ed il gran numero di scritti sul folklore dei popoli primitivi lo testimonia.

I suoi approfonditi studi sul totemismo, sulle usanze delle popolazioni dell'Australia, dell'Africa e del Nord America hanno portato così a conoscenza del mondo occidentale usi e tradizioni sconosciute. 
Egli concepiva in generale la storia della cultura umana composta da successive fasi di sviluppo come se si trattasse di un percorso: in particolare sosteneva l'esistenza di un preciso ordine di successione esistente tra la magia, la religione e la scienza e riservava unicamente alla scienza moderna dell'Europa industriale la capacità di spiegare esattamente la realtà. Per Frazer la magia rappresentava una prima forma di scienza, una pseudoscienza, capace di spiegare e orientare a proprio favore la realtà nonostante la mancanza dei caratteri scientifici. Il mago era il detentore di un potere sovrano sulla natura ed esistevano forze inconsce e impersonali sulle quali egli poteva agire in modo meccanico attraverso parole e gesti rituali. 

Proprio per queste sue caratteristiche, la magia condivideva con la scienza il fatto di poter "controllare" la natura attraverso l'osservanza di leggi, solo che nella magia queste sembravano nascere da semplici associazioni di idee, per somiglianza (secondo cui il mago deduce di poter produrre qualsiasi effetto semplicemente imitandolo) e per contiguità (secondo cui deduce che qualunque cosa egli faccia ad un oggetto influenzerà allo stesso modo la persona con cui l'oggetto verrà in contatto).

Nonostante la magia si fondi sulla falsa idea della regolarità dei processi di causa ed effetto, è dotata comunque di una sua logica interna perché agisce riconoscendo e trattando somiglianze, vicinanze e contatti. Frazer più di una volta ha posto l'accento su una certa perfezione ed efficacia esistenti all'interno del sistema magico, concepito da lui quasi come un'istituzione. 
 

GIUSEPPE MONTALDO

Chi è, cosa fa
è ricercatore, scrittore, naturopata e ingegnere.
Si occupa principalmente di guarigione emotiva e spirituale:

GIUSEPPE MONTALDO

Consultazioni online
Posso assisterti anche online con gli strumenti seguenti:

Cerca nel sito

Gli ultimi articoli




© Copyright 2018 Giuseppe Montaldo. Tutti i diritti riservati - All rights reserved.

Privacy policy

Cookies policy